martedì 1 luglio 2008

Bhaji di cipolle

I Bhaji sono frittelle di cipolla e, come i Pakora, prevedono pochi ingredienti (prevalentemente vegetali) e qualche spezia. Non ho mai nascosto la mia passione per i cibi fritti: con un collega passavamo intere pause-pranzo ad elencare delizie panate e non (fritte), mentre lui mangiava una banana ed io bevevo un thermos di tè.

Qualche settimana fa, ripulendo il reparto farine e legumi della dispensa, mi sono accorta che il sacchetto di farina di ceci che ho comprato lo scorso anno è in scadenza. Mi è presa l'ansia da utilizzo, ho rotto le scatole ai più dotti di voi e ho piatito consigli a dritta e a mancina...
Con la farina di ceci posso fare:
1- farinata(!)
2- pane (mescolandola ad altra farina che contenga glutine) e torte e biscotti
3- impanatura di cotoletta al posto dell'uovo (fantastica!)
4- frittelle indiane (il suggerimento era stato per i Pakora)

Ho trovato tante ricette ed ho elaborato la mia come segue...

Bhaji di cipolle
Ingredienti
... cinque cucchiai di farina di ceci
... otto cucchiai di farina bianca autolievitante
... semi di finocchio (mezzo cucchiaino)
... cumino macinato (poco a casa mia non fa strage di cuori)
... un cucchiaio di curcuma
... due cipolle bianche
... coriandolo o prezzemolo fresco (cinque cucchiai)
... acqua tiepida q.b.
... olio di arachidi
... sale (sulle frittelle, non nell'impasto)

Mescolare in una terrina la farina di ceci e le spezie secche, quindi aggiungere il coriandolo e la cipolla affettata: gli anelli di cipolla devono essere separati e ricoperti di farina. Versare anche la farina autolievitante e mescolare nuovamente. Aggiungere l'acqua a filo, rimestando fino ad ottenere un composto omogeneo che preleverete a cucchiaiate per poi friggere le bhaji. Lasciar riposare mezz'ora. Scaldare l'olio in una capiente padella (meglio wok) e versare il composto a cucchiaiate e girateli dopo uno o due minuti. Le ricette dicevano tutte di friggerli fino a farli diventare marrone dorato... Scolare su carta per fritti (o su sacchetti del pane, se ne trovate ancora di adatti o su carta paglia, se riuscite a convincere l'inserviente del banco gastronomia del super di fiducia a vendervene/smollarvene qualche metro).

Suggerimento: se sapete come si fa (io lo ignoro, per ora) servite con un chutney o con un raita di cetrioli (io mangio sempre ravanelli o daikon con i cibi fritti).

Dedica: dedico le frittelle al lungo isolamento carsico di Mikamarlez, l'Indiana Jeans del fritto subliminale... e della polpettazione eufemistica della zucchina.

32 commenti:

NADIA ha detto...

Mmm che buoni questi Bhaji, mi sembrano davvero stuzzicanti e a ben guardali credo che vadano bene anche se serviti freddi (o tendono ad "afflosciarsi"?)
Comunque posso permettermi un consiglio? Per le tue fritture usa un olio di oliva al posto dell'arachidi (o se proprio un girasole)..gusto e salute ne gioveranno! :)
Nadia - Alte Forchette -

Claud ha detto...

@nadia: non posso dirti se diventano flosci (li abbiamo mangiati subito!), ma direi di sì.
La ricetta originale indicava bicarbonato di sodio e non lievito(io ho usato una farina pronta che mescola farina di riso, farina di grano e lievito, la stessa che ho usato per il pancake, che in effetti rimangono abbastanza morbidi) ed ho sostanzialmente invertito la proporzione fra le due farine, quindi erano secchi all'esterno ma morbidi all'interno.
Per l'olio... hai ragione per l'extravergine di oliva, ogni tanto lo faccio (ma caspita mi ci va un capitale in olio! Lo uso per i soffritti...); quello di girasole ha un punto di fumo troppo basso e quindi ossida (degrada di più...) rapidamente.
E' un quesito che mi pongo spesso, perché il fritto ben fatto (come il tuo tempura di carote e zucchine!), mi piace e una volta al mese impuzzo la cucina con limitati sensi di colpa... non riuso l'olio, cerco di fare in fretta e di non fare grosse quantità.

Sai che in molte ricette suggeriva di friggerli nel ghee?!
Io ormai non ricordo nemmeno che sapore abbia il burro!

Scusa la lunghezza e grazie mille del consiglio (trovarne di olio extr. d'oliva con un buon rapporto qualità prezzo: allora lo userei a friggere, sì!)

NADIA ha detto...

Sul discorso qualità prezzo ti do ragione perchè spesso quelli in commercio presso i super sono delle cose che se sto a spiegarti ti prende un colpo (tipo oli di semi colorati con la clorofilla per farli sembrare degli extra o altre cose che è meglio lasciar perdere)ma altri oli (e non faccio nomi dato il mio lavoro;))sono di indubbia qualità senza essere dop, ma sono ugualmente certificati.
Comunque è vero che il girasole o il mais hanno un punto di fumo basso ma per le realizzazioni casalinghe vanno bene anche perchè di solito non si preparano grossi quantitativi e basta seguire la regola della briciola di pane per tenere il tutto sotto controllo e avere una frittura comunque valida).
Ooops scusami tu per la lunghezza, e a presto,
Nadia - Alte Forchette -

Anicestellato... ha detto...

Passo per lasciarti un abbraccio, al recupero post ci penserò da domani ma la sbirciata promette bene, grazie di cuore!

Claud ha detto...

@nadia: ecco... adesso mi hai messo il dubbio! L'olio che io uso come fosse aceto balsamico dei primi del novecento... potrebbe essere clorofillato?! Mmumble...
Ora torno sul tuo blog e scopro che lavoro fai!
;>

Lo ha detto...

interessante discussione olifera....io prendo un olio extravergine di oliva...del super...che non costa tanto e lo uso per il fritto...e ora scopro che può essere clorofillato? Claud vero che se scopri il nome di un olio da super adatto alla frittura me lo divulghi subito in gran segreto??? nel frattempo sbavando sulle tue frittelle mi sono ricordata di aver dimenticato la farina di ceci.....ahhhhhhhh che nervoso quando mi faccio così!!!però ho la soia gialla ;)

Lo ha detto...

per il chutney...credo che la nostra Bri...sarà un pozzo di idee fantastiche! :)

Claud ha detto...

@anice: che sollievo vedere Klimt sul suo blog (ma quanto è intenso quel quadro? Lo sai che ce l'ho proprio sopra il pc?!)... non sapevo bene cosa/come pensare del tuo lungo silenzio!

@lo: ahahah, sarai la prima a saperlo... mi ci vorrebbe un recettore di clorofilla, però!
Ho cercato sul sito di Brii, non ho trovato, ma sono sicura che ha una ricetta ready to proof...

yari ha detto...

Dissertiamo un po' di fritti? ;-)

Magnolia Wedding Planner ha detto...

ma Claud! ma che meraviglia è questa cosina deliziosa :-P
che brava che sei!!
tesoro ti abbraccio fortissimo e ti ringrazio per tutto l'affetto che mi dai e che ti meriti in cambio
buona giornata piccola
Silvia

unika ha detto...

i fritti sono buonissimi...io li adoro:-)
Annamaria

ciciuzza ha detto...

vivo perennemente nella tentazione del fritto. e così lo evito accuratamente. cosa dire? sarà pesante, sarà unto sarà quello che volete ma è sublime.
Per ora psso sbavare solo davanti a questa delizia.. sigh sigh..
brava Claud.. era molto buono??? :P

NADIA ha detto...

Eccomi di nuovo qui!
Bè per evitare di incappare in cose del genere controlla sempre l'etichetta e nello specifico le informazioni riguardanti produzione e confezionamento, assicurandoti che sia un prodotto italiano (i controlli in italia sono moooolto severi e non si scappa!) e ricorda che il prezzo di un vero extra sta tra i 9 e i 14 €/lt (chiaramente uno del Garda arriva anche a 20, ma quelli sono discorsi di quantità produttive).
Spero di esserti stata utile! :)
Nadia - Alte Forchette -

Morrigan ha detto...

A me, me piaceno! ^__^
Certo che il fritto... burp. Ops pardon!
E il cumino è buono e da un buon sapore ai piatti, però anche a casa mia non è che entusiasmi molto e quindi lo uso quando sto da sola... che tristess...
Hare Krishna! ^__^
Gnam

Claud ha detto...

@yari: la tua idea non è malaccio... a volte il Tacchio (il mio collega) ed io arrivavamo stremati alla fine della pausa pranzo per colpa della lunga elencazione "... cotolette, patatine, melanzane panate, zucchine pastellate, bomboloni, frappe..."
Il pomeriggio lavorativo diventava lungo e tribolato!

@magnolia: non ringraziarmi, mi diverto (quindi io dovrei ringraziare te)... il matrimonio è qualcosa che evito, anche quelli dei miei amici/parenti... sono figlia di separati, ho due sorelle divorziate... come dire guardo ma non tocco!

@unika: ecco, lo sapevo che mi avresti capita tu!!
"...e i panzerotti al pomodoro e basilico..."
(credo che non mi basterà il tè che ho appena bevuto per tirare sera!)

@beatrice: cicc... Bea! Sì, mi sono piaciute, considera che non vado pazza per la cipolla... le rifarei (frigge qualcun'altro però!)

@nadia: grazie Nadia! Sì, non compro mai olio extrav. d'oliva che abbia un prezzo troppo basso... il guaio è che mi piace l'olio ligure (o siciliano) che è delicato, per alcune pietanze; quello toscano mi fa impazzire con i legumi; quello pugliese (molto saporito) per le insalate... ma non riesco a tenere troppe bottiglie in giro (ho quello di sesamo, quello di arachidi, quello di oliva)!
Quindi solitamente ne prendo uno fatto (forse?!) con olive taggiasche...

PS: mi piace molto imparare e conoscere, quindi apprezzo i contributi di quanti si prendono il tempo di spiegarmi, insegnarmi e correggermi se sbaglio!

Claud ha detto...

@morrigan: hare hare!!

NADIA ha detto...

Mi compiaccio per l'ottima scelta!
E, piccola nota tecnica: per avere la certezza che sia fatto di sole taggiasche, allora deve essere per forza un dop, se c'è scritto che è fatto con taggiasche o comunque monocultivar di altro genere ma non è dop , allora fatti venire seri dubbi (legalmente non si può scrivere "taggiasco" senza la certificazione dop). Ma è chiaro che un olio ligure non può essere prodotto o "tagliato" con olive...ad esempio molisane perchè il sapore marcato si avvertirebbe e risulterebbe "piccante" quindi sugli oli delicati puoi andar sul sicuro! :)
Nadia - Alte Forchette -

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Visto che andiamo verso l'ora dell'aperitivo ... hai szuzzicato l'appetito! Devo dire che hai usato egregiamente la farina! Buona serata!

Lo ha detto...

Sai Claud cosa ho fatto ieri sera ho letto e riletto il tuo commento mille volte...con quelle tre letterine piccoline lì sotto...me lo sono goduto e bevuto, l'ho preso messo nel cuore e mi ci sono crogiolata tutta la sera felice! Non osavo dirtelo perkè so ke ti arricci tutta e non volevo abusare ma pure io tvb...e abbasso i pomeriggi grigi oppure li teniamo e ci spaparanziamo nel grigio! un baciozzolo da una gallina gongolosa perkè mi hai fatto un rifornimento di colore pazzesco!

Claud ha detto...

@lo: mi sono sorpresa anche io (ma era tale la mia gratitudine per aver oltrepassasto il grigio, che dovevo in qualche modo restituire...)!

brii ha detto...

belle belle...anche io ho della farina di ceci in frigo
(con questo caldo la farina la tengo in frigo)
vieni in forum da tati...
troverai delle ricette chutneys che abbiamo fatto>
http://www.peccatidigolaediamicizia.com/viewtopic.php?f=369&t=2473&p=12973&hilit=chutney#p12973

bacioniiii

Claud ha detto...

@brii: ora che ho letto le ricette pubblicate su peccatidigolaedamicizia capisco un po' meglio... agrodolci, verdura e frutta, zucchero (anche vino, ho visto)... ma assomigliano alla mostarda?

Annalisa ;o) ha detto...

Ciao Claud!!! Sei stata nominata! Passa da me quando puoi per saperne di più! Baciotti! ;o)

brii ha detto...

no, la mostarda di solito si fa con l'essenza di senpe...qio il piccante si fa con l'aceto e peperoncino.
mi piacciono tantissimo i chutneys.
mmmmmmmmmmmmmmm

bacioniiii

brii ha detto...

no, la mostarda di solito si fa con l'essenza di senpe...qio il piccante si fa con l'aceto e peperoncino.
mi piacciono tantissimo i chutneys.
mmmmmmmmmmmmmmm

bacioniiii

Mammazan ha detto...

Adoro le cipolle e il fritto se non fose per la puzza che rimane per giorni......
Bella ricetta
Ciao
Grazia

Gunther K.Fuchs ha detto...

mi piace molto questa ricetta, noi in francia facciamo la soca che è un apsecie di farinata con la farina di ceci e anche un pure al posto delle patate

Claud ha detto...

@mammazan: ciao! Per la puzza hai ragione... ma finestra della cucina e porta finestra del terrazzo fanno corrente e in effetti non dura molto... poi, vuoi mettere... la goduria (una volta ogni tanto!!)

@gunther: non conosco la soca (e purtroppo la farinata si rifiuta di uscire dall'ambito teorico, per me!)... un puré, dici? Che buona idea... magari trovo la ricetta!

campo di fragole ha detto...

Buoni. buoni. buoni!!! Noi amiamo la cucina indiana e a queste frittelline I'll give them a try...very soon- di sicuro :)
Besitos,
Daniela

LaGolosastra ha detto...

LI VOGLIOOOOOOOOOOOOOOOOOO... devo provare anch'ioooo. Ho fatto fuori i resti della farina di ceci a forza di cake salati, ma questa idea è strepitosa!
Anch'io ho un po' di nostalgia di Mikamarlez. Andiamo a cercarla? Un bel viaggio enogastronomico alla ricerca della blogger perduta!

Claud ha detto...

@campodifragole: io sto facendo la corte a una serie di libri (su Amazon.uk) tutti di cucina indiana, vegan o vegetariana... solo che devo pensarci bene prima di procedere, altrimenti rischio di finire l'anno in estenuanti prove e assaggi!

@la golosastra: sai che se non si schiattasse dal caldo li rifarei...?!
Ma temo di perdere il mio unico neurone attivo, chinata sulla padella!

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.